Vai al contenuto

Home

(aggiornamenti 31.12.2021; 15.02.2022; 12.07.2022)

0
Nazioni
0
Case
0
Soci
0
Novizi
0
Religiosi Laici
0
Sacerdoti

(aggiornamenti 31/12/2021)

1. Circa i dati complessivi.

Globalmente, considerando i dati a fine 2021 in confronto con quelli di fine 2020, si osserva che:

– il numero totale dei professi (compresi i Vescovi) subisce una diminuzione: passa, infatti da (13.671+118) 13.789 a (13.488+118) 13.606 [–183]: una perdita più attenuata rispetto a quella avuta nell’anno precedente (infatti al 31/12/2020 si era segnalata una diminuzione di –265 professi rispetto al 2019 da 14.054 a 13.789);

– anche il numero complessivo (professi + novizi) ha una diminuzione, maggiore del calo subito dai professi, sopra indicato: a fine 2020 il totale professi+novizi (compresi i Vescovi) era 14.232; a fine 2021 il totale professi+novizi (compresi i Vescovi) è 14.028 [–204]. Ciò è dovuto soprattutto agli abbandoni in noviziato e ai decessi – anche se meno accentuati – in questo anno particolare che continua a risentire della pandemia.

Si può notare:

La differenza fra le entrate (379 neoprofessi) e le perdite di professi (310+223=533), sommando defunti+usciti è pari a –154, (l’anno precedente era di 266) che è inferiore al saldo negativo di professi suindicato (–183).

▪ Come già segnalato altri anni, la discrepanza tra il saldo negativo di professi indicato dai Flash delle Ispettorie (–204) e la differenza tra le entrate e le perdite (–154, sommando defunti+usciti) denota sempre qualche incertezza, nella segnalazione dei dati da parte delle Ispettorie (talvolta con aggiustamento di errori precedenti); soprattutto non sempre c’è sincronia nella comunicazione delle indicazioni dei “trasferimenti dall’una all’altra Ispettoria. Ciò determina un margine di incertezza nei dati. Si è cercato, comunque – attraverso i contatti con le Ispettorie – di rendersi conto di eventuali errori e – come di consueto – “aggiustarli”, il più possibile. Influisce anche il numero di “irregolari” non sempre identificati come tali o segnalati.

▪ Si nota come i professi perpetui passano da 11.406 a 11.168, con una diminuzione di – 238. È migliorata la situazione dei professi temporanei, che passano da 2.265 a fine 2020 a 2.320 a fine 2021 (+ 55) con un incremento di mezzo punto percentuale.

▪ Come sempre, si deve tener presente che tra i professi conteggiati ci sono anche quelli in posizione “irregolare” (confratelli fuori comunità, per molti dei quali è in atto un procedimento di dispensa o dimissione, non ancora regolarizzato).

Considerando i dati di Ispettorie e Regioni tra 2021 e 2020, si osserva una crescita rilevante – contando novizi + professi – per la Regione Africa-Madagascar (+156). Una situazione di stasi con lievissima flessione per Asia Sud (–7) e Asia Est-Oceania (–18). Le altre Regioni continuano ad essere in calo: la Regione Mediterranea (–130), la Regione Europa Centro-Nord (–82), la Regione America – Cono Sud (–35) e la Regione Interamerica (–80).

▪ Al 31 dicembre 2021 le Circoscrizioni sono 90 (compresa RMG), in numero identico a quelle del 31 dicembre 2020.

▪ Si evidenzia (cf. ACG 437 2022) come nel mese di dicembre del 2021 il Rettor Maggiore con il consenso del suo Consiglio ha nominato 3 nuovi superiori per 3 nuove circoscrizioni appartenenti alla Regione Africa Madagascar, che iniziano quest’anno il coordinamento, il governo e l’animazione dei nuovi gruppi di comunità coinvolte. Si tratta dell’Ispettoria “Nostra Signora della Pace” dell’Africa Occidentale Nord (AON), dell’Ispettoria “Beato Artemide Zatti” dell’Africa Nigeria Niger (ANN), dell’Ispettoria “San Giuseppe” dell’Africa Occidentale Sud (AOS).

▪ Le Nazioni (o Stati), in cui siamo presenti (in qualcuna in piccolo numero) sono 134, in numero identico al 2020.

2. Dati riguardanti i novizi.

▪ Il numero dei novizi presenti nei noviziati a fine dicembre 2021 è calato lievemente di –21 unità rispetto a quello rilevato alla stessa data dell’anno prima: a fine 2021 i novizi sono 422,mentre a fine 2020 erano 443.

▪ Osservando i dati dei novizi a fine 2021 nelle diverse Regioni confrontati con il 2020, si nota:

per la Regione Asia Sud un aumento (+24), come per l’Africa-Madagascar (+36); la Regione America – Cono Sud (±0), e l’Asia Est-Oceania (–2) si può dire che sono stazionarie; infine, la Regione Mediterranea (–5), l’Europa Centro-Nord (–13), e l’Interamerica (–13) hanno avuto un calo di novizi.

Una lettura più completa si ha guardando il prospetto specifico delle Ispettorie. ▪ Considerando il quadro che descrive l’andamento dei novizi nell’anno, si può notare come la perdita di novizi che si è avuta durante l’anno, cioè il conteggio dei novizi che non hanno terminato il noviziato nel 2021 (e che non sono stati ammessi alla prima professione) risulta essere di – 97. È un valore che confrontato con l’anno precedente (tenendo conto dei novizi che erano presenti a fine 2020 e non hanno poi professato, il totale dei novizi usciti nel corso del 2021 era stato di – 85) ha subito un ulteriore incremento (+12).

3. Dati riguardanti i professi

3.1. Neoprofessi:

▪ I neoprofessi nel 2021 – segnalati nei Flash delle Ispettorie – sono stati complessivamente 377 (35 L, 341 S, 1 P) numero superiore del 5% circa a quelli del precedente anno 2020, nel quale furono 358 (34 L, 324 S).

▪ Si osserva che il numero di neoprofessi coadiutori nel 2021 è stato di 35 (pari al 9,2% del numero totale di neoprofessi dell’anno). Il numero è stazionario.

▪ I neoprofessi perpetui nell’anno 2021 sono stati 217 (19 L, 196 S, 2 P), numero di poco superiore a quello del precedente anno 2020, quando i neo-perpetui furono 210 (17 L, 192 S, 1 P). Si tratta di poche unità dovute anche al numero di professi temporanei usciti alla scadenza dei voti lungo l’anno 2021.

3.2. Neosacerdoti

Il numero dei neosacerdoti nell’anno 2021 – secondo i dati delle Ispettorie – è stato 165, valore superiore a quello del 2020 con un aumento di 31 unità (+23%) rispetto ai 134 neosacerdoti.

3.3. Prenovizi, tirocinanti, postnovizi, studenti di teologia e universitari

Con la consueta prudenza nel conteggio, i giovani che hanno intrapreso la fase del Prenoviziato nel 2021 e di cui la segreteria ha ricevuto segnalazioni da parte di numerosi segretari ispettoriali, sono stati complessivamente almeno 436 (lo scorso anno se ne sono contati 407). Anche i professi che nel corso del 2021 stavano sperimentando la fase del Tirocinio nelle case predisposte dalle ispettorie sono stati indicati in un numero complessivo di 526 (rispetto ai 408 constatati nel 2020). Pare di interesse notare come novizi, prenovizi, tirocinanti superino in ogni fase le 400 unità.

Inoltre tra i professi in Postnoviziato segnalati ne possiamo conteggiare per difetto 779 (700 S e 79 L) rispetto a quelli segnalati nel 2020 che erano 632 (568 S e 64 L). Tra gli studenti di Teologia sono stati riportati dai segretari ispettoriali 684 (650 S, 18 L, 7 D e 9 P) professi contro i 505 (491 S, 14 L) indicati lo scorso anno. Infine l’indicazione degli studenti universitari (che frequentano la università pubblica ed ecclesiastica e pontificia) proveniente dalle ispettorie, evidenzia alla fine del 2021 la presenza di 488 studenti (139 P, 305 S e 44 L) rispetto ai 431 studenti (124 P, 276 S, 31 L) del 2020, in fase di qualificazione e specializzazione.

4. Confratelli che hanno lasciato la Congregazione nel 2021

▪ Si nota anzitutto che – nell’anno 2021 – il numero complessivo dei confratelli usciti definitivamente dalla Congregazione [218] è inferiore al numero di usciti del 2020 che era di 226, del 2019 che era di 257.

5. Dati riguardanti i defunti.

Sono stati 310 i decessi avvenuti nel 2021, dato più confortante rispetto a quello del 2020 che in piena pandemia superava i 401. Nel 2019 il numero dei confratelli defunti era stato di 288, numero più elevato rispetto a quello del precedente anno 2018, quando i salesiani defunti furono 263. Si può ribadire la stima che i confratelli defunti nei prossimi anni aumenteranno nelle regioni dei paesi europei e mediterranei a motivo della presenza elevatissima di ultra 75enni.